i falsi miti del fitness

I Falsi Miti del Fitness

 

SEI LUOGHI COMUNI DEL FITNESS DA SFATARE

 

Sicuramente molti di voi avranno delle curiosità riguardo l’allenamento degli addominali, la corretta alimentazione da seguire, il dolore muscolare, gli esercizi giusti per dimagrire, gli integratori da prendere per un allenamento, e come si fa a perdere peso in poco tempo.

In questo articolo voglio fare luce su alcune leggende metropolitane messe e costruite dai media, da fake news e da gente poco preparata che circonda il mondo del benessere.

INDICE:

  1. ADDOMINALI ALTI O BASSI?
  2. SUDARE FA DIMAGRIRE?
  3. IL DOLORE MUSCOLARE POST ALLENAMENTO è CAUSATO DALL’ACIDO LATTICO?
  4. FARE MOLTI ESERCIZI PER I GLUTEI FA  SPARIRE IL GRASSO SUL SERERE?
  5. ALLENARSI CON ESERCIZI VELOCI AUMENTO LA DEFINIZIONE MUSCOLARE?
  6. PRENDERE INTEGRATORI TUTTI I GIORNI FA DIVENTARE COME SCHWARZENEGGER?

Ciao bella gente.

Essendo stato un luminare di questa disciplina, non posso far altro che condividere con voi le mie esperienze.

i falsi miti del fitnessQuello che mi ha sempre contrariato in questo mondo sono le fake news. Proprio così per usare un eufemismo che va tanto di moda in questo periodo.

Il mondo delle palestre e quindi del fitness, dovrebbe essere popolato da professionisti, ma aimè questa non è la verità.

Ci sono molte persone poco preparate e poco competenti che divulgano insegnamenti a volte dannosi.

Questo è dovuto a dubbie società che rilasciano diplomi e certificati da istruttore in tempi molto rapidi, un week end, a volte due.

Per poter insegnare una disciplina c’è bisogno di una preparazione molto approfondita.

Una volta, nelle palestre, l’istruttore della sala pesi doveva essere grosso e con i muscoli in evidenza.

Questo era il modello da far vedere ai potenziali iscritti.

Poco importava se poi l’utente “tipo” andava a casa con lesioni, infiammazioni, o patologie varie.

L’iscrizione prima di tutto.

Personalmente litigavo sempre con tutti, perché quando mi allenavo, vedevo e sentivo argomenti che, se fosse esistita la polizia del fitness, erano tutti da arresto immediato.

Gli istruttori a mio avviso, erano poco competenti e ignoranti, non mi riferisco al grado di istruzione, questo è ovvio, ma alla conoscenza delle più semplici leggi della fisiologia, dell’alimentazione, e delle teorie dell’allenamento.

Ed ecco che nascono i falsi miti, le fake news, a volte solo per scopi commerciali, a volte per attirare pubblico, a volte per inconsapevolezza. 

Chi ne fa le spese?

La povera signora che va in palestra per stare in forma, il cliente tipo che si iscrive per dimagrire, o la casalinga che guarda la televisione e vede, attrezzi, esercizi e creme miracolose che risolvono ogni suo problema.

Fosse così semplice sarebbe bellissimo.

E allora cominciamo con la prima leggenda metropolitana.

I falsi miti del fitness

Non posso esimermi dall’iniziare con gli addominali, questi sconosciuti.

La domanda che mi fa sorridere maggiormente, quando alleno qualcuno, ma al tempo stesso riflettere è questa:

1
COME POSSO ALLENARE GLI ADDOMINALI BASSI?

 

Ora crollerà un mito assoluto, molti cominceranno a drogarsi, a cambiare vita, a sentirsi depressi dopo che scopriranno la verità. Ah ah ha  🙂

Udite udite gente comune: NON ESISTONO ADDOMINALI BASSI O ALTI!

Mettetevelo in testa una volta per tutte.

Chiunque mi porti un libro di anatomia o elementi di fisiologia, che sottolineano questa distinzione, avrà un bellissimo regalo in omaggio. Ve lo prometto.

i falsi miti del fitness addominali retto

Retto dell’addome

Il muscolo Retto dell’addome è un muscolo unico!   Vi lascio il link anche Da wikipedia

La contrazione muscolare è unica, la sua funzione è quella di flettere il torace sul bacino (pelvi) e viceversa, agisce anche come muscolo espiratorio e nella torsione e inclinazione del busto.

 

La sensazione di lavoro diverso non è data da muscoli distinti, quanto più dalla sollecitazione sui punti di inserzione in alto e in basso.

Molti esercizi coinvolgono l’ileo psoas, il muscolo flessore dell’anca.

Non voglio farvi una lezione di anatomia, ma il retto dell’addome non agisce sugli arti inferiori, perché si inserisce sulla sinfisi pubica.

Ergo tutti quelli esercizi che coinvolgono gli arti inferiori partendo da terra e alzandosi fino sopra un angolo di 30°, dimenticateli. Non servono a nulla e sono dannosi.

Fate una piccola prova… mettetevi in piedi con una mano posata sull’addome e provate ad alzare una gamba, non sentirete alcuna contrazione.

Provate ora a flettere il torace sul bacino, percepirete una contrazione molto più forte.

Questo perché state contraendo i muscoli addominali.

Ricapitoliamo:

  • il retto dell’addome è un muscolo unico

  • non esistono addominali alti e bassi

  • Il retto dell’addome non si inserisce sugli arti inferiori

Aggiungo anche, che gli esercizi per gli addominali non mandano via la pancia!


Ma questo lo approfondiremo più avanti.

Ora mi chiederete: quali sono gli esercizi migliori per gli addominali?

Comincio nel consigliarvi di non allenarli troppo, gli addominali sono un muscolo piccolo, non hanno bisogno di tante sollecitazioni.

Sono facili da allenare, e vengono attivati anche durante la vita quotidiana, come stabilizzatori del tronco mantenendo la postura ben corretta.

 

i falsi miti del fitness crunch addominali

Esercizio crunch

 

La frequenza di recupero degli addominali, è molto veloce, per questo sentite il bisogno di poterli allenare subito.

Fornite i giusti tempi di recupero e variate lo stimolo con carichi, ripetizioni e angolazioni diverse.

La respirazione è importantissima, inspirare durante il movimento negativo ed espirare nella fase di contrazione.

Una regola generale che vale per tutti i tipi di allenamenti è ricordarsi sempre che:

 

Conta la qualità e l’intensità dell’allenamento, mai la quantità.

 

Gli esercizi migliori secondo me sono il crunch e il crunch inverso, in tutte le sue varianti.

Anche una buona sessione di Pilates, esercizi funzionali come la Plank o CrossFit  fatto con i giusti criteri sono ottimi.

 

i falsi miti del fitness esericzio plank

Fitness: Plank

 

2

SUDARE FA DIMAGRIRE?

 

Sarò breve: Il Sudore è acqua!

 

  • Sudare fa bene ma non fa dimagrire. E’ sconsigliato pertanto l’uso di abbigliamento pesante o gommato, come si vede in alcune televendite in Tv, (plastica,licra etc).Questi capi oltre a non fare respirare la pelle non consentono l’evaporazione dell’acqua.

 

  • La perdita di peso dovuta ad un’intensa sudorazione è temporanea, pertanto verrà reintegrata attraverso una appropriata assunzione di liquidi.Il sudore non è grasso!

 

  • Bere prima durante e dopo la lezione fa bene, anzi è essenziale al fine di una buona idratazione.Assicurarsi che la bevanda non sia troppo fredda, la migliore bibita rimane sempre l’acqua.

 

  • La funzione del sudore è soltanto quella di mantenere la temperatura corporea costante, (37°), evaporando e raffreddando il corpo attraverso un fenomeno che si chiama: Termodispersione.

    Il sudore è acqua, che il corpo deve reintegrare attraverso l’idratazione.

3

IL DOLORE MUSCOLARE POST ALLENAMENTO E’ CAUSATO DALL’ACIDO LATTICO?

 

 

La sensazione di dolore muscolare che si sente il giorno dopo un allenamento intenso, non è assolutamente da attribuire all’acido lattico.

 

Questo composto chimico, ha tempi di smaltimento al massimo di qualche ora, quindi i dolori che avvertiamo sono dovuti a micro lacerazioni o meglio microtraumi delle Miofibrille, con rottura parziale o totale dei filamenti proteici.

Si è visto che c’è anche un aumento delle attività ematiche e linfatiche con conseguente sensibilizzazione delle aree.

Quindi la prossima volta che sentite dolore dopo un allenamento, è solo un segnale che quel movimento è nuovo per la vostra funzione motoria.

I muscoli si devono adattare allo sforzo fisico, si rinforzeranno e la prossima volta che lo effettuerete non avrete più dolore.

Questo è collegato anche alla frequenza dell’allenamento.

Se lo fate una volta al mese e come se ricominciaste ogni volta da capo.

4

FARE MOLTI ESERCIZI PER I GLUTEI FA SPARIRE IL GRASSO SUL SERERE?

 

Quante risate e quanti scontri con gente ottusa riguardo l’argomento.

Nel titolo ho citato i glutei ma è chiaro che quanto sto per dirvi vale per qualsiasi parte del corpo.

Non esiste il dimagrimento localizzato, là dove si vuole, semplicemente allenando le fasce muscolari sottostanti.

Questa è un altro falso mito creato dai media per vendere prodotti e portare acqua ai loro mulini.

In realtà il nostro corpo se ne frega dell’esercizio che state svolgendo.

Tutto è coordinato per un dispendio calorico totale, l’esercizio consuma energia, utile nel bilancio calorico dell’intero corpo.

squat glutei i falsi miti del fitness

Esercizio Squat

La perdita locale di grasso è inserita in un contesto di dimagrimento generale, pertanto se abbinata a dovuti esercizi fisici si possono ottenere risultati per i muscoli coinvolti.

Quindi è inutile svolgere delle sessioni infinite di addominali, o glutei per avere l’illusione di assorbire il grasso sulla parte che stiamo allenando.

La realtà è che stiamo aumentando la tonicità di quel muscolo.

Facciamo un esempio con gli addominali: la credenza mi dice di fare infiniti esercizi in modo da assorbire l’adipe sulla pancia.

Il risultato che otterremo, se non seguiamo un regime alimentare ad hoc, abbinato ad un allenamento programmato, è quello di avere una pancia ancora più grande.  

 

Questo perché gli addominali cresceranno di volume e il tessuto adiposo sopra non sarà assorbito.

Si otterrà quindi, un aumento di spessore dei muscoli e una pancia alla Hitchcock.

 5

ALLENARSI CON ESERCIZI VELOCI AUMENTA LA DEFINIZIONE MUSCOLARE?

 

Effettuare ripetizioni veloci con piccoli o medi carichi è un lavoro puramente inutile al fine sia di una definizione muscolare.

Massima è la velocità di contrazione minima è la forza applicata.

Quindi più veloce è l’esecuzione del movimento tanto minore è lo sforzo muscolare, con conseguente danno alle articolazioni ed ai tendini dei muscoli interessati.

Non esiste lavoro di definizione muscolare fatto con dei carichi. La definizione muscolare è molto difficile da ottenere. Ci vuole un grande sacrificio e tanta volontà.

Bisogna raggiungere un giusto compromesso tra allenamento alimentazione e soprattutto RIPOSO!

Quello che ripeto sempre ai miei allievi è questo:

 

Il riposo è un pilastro fondamentale del successo.

Più ci alleniamo e più distruggiamo massa muscolare (catabolismo).

Ogni allenamento deve essere seguito da un periodo di riposo in cui i muscoli recuperano e poi si rinforzano, quindi crescono (anabolismo).

 

Se volete approfondire leggete il mio articolo: Crescita muscolare, esercizio, integrazione, o alimentazione?

Esatto cari ragazzi, quando vi allenate in qualsiasi sport, state distruggendo la vostra massa muscolare.  NON STA CRESCENDO!

Quindi quando guardi il tuo bicipite allo specchio bello gonfio, dopo aver alzato 15kg per 10 volte, non è altro che l’ipertrofia dovuta all’afflusso di sangue nel muscolo.

Dopo dieci minuti torna alla normalità.

Allora mettiamoci in testa che l’allenamento richiede sacrificio, e nulla accade per caso, dietro c’è sempre una programmazione specifica in base al risultato che vogliamo ottenere.

6

PRENDERE INTEGRATORI TUTTI I GIORNI FA DIVENTARE COME SWARZENEGGER?

 

Quanto mi fa sorridere questa domanda.

E dire che è difficilissimo far credere alle persone che non esistono miracoli.

Se fosse tutto così semplice avremmo risolto buona parte del nostro stress, ma la realtà è ben diversa.

Chiariamo una volta pre tutte che:

GLI INTEGRATORI NON FANNO CRESCERE I MUSCOLI!

Voi pensate veramente che se io, mentre sto al computer a scrivere questo articolo, mi imbottisco di integratori, quanto mi alzo sono gonfio come un pallone?

E allora basta a queste false credenze.

L’unica cosa “lecita“ che fa crescere i muscoli è l’allenamento.

L’integrazione serve ad aiutare la muscolatura a recuperare più in fretta, a nutrirla, e quindi attraverso processi fisiologici a crescere.

Il mio articolo che trovate su questo portale che lo ha recensito (link), ma potete leggerlo direttamente anche sul qui sul blog vi chiarirà maggiormente le idee.

 

Conclusioni

 

Se volete ottenere risultati nei vostri allenamenti, in primis informatevi, poi aggiungete una buona dose di volontà, costanza, pianificazione e condite tutto con tanto sacrificio.

Vedrete che i cambiamenti arriveranno, e anche se i miracoli esistono, crediamo prima in noi stessi facendo sempre la cosa giusta.

Se vi è piaciuto e avete domande lasciate pure un commento, sarò lieto di esprimermi con voi su questo argomento.

 

Buon allenamento

Mario

 

 

Mario

Mi definisco un Multipotenziale. Trent'anni nel mondo del turismo, campione di aerobica, dee jay, producer, istruttore e personal trainer, consulente di centri sportivi, resident manager di strutture ricettive, photo manager e fotografo, web designer, web development, sportivo, sognatore e diciamolo: Blogger :)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.